Crea sito
Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione di terze parti per mostrare pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso all'installazione di qualsiasi cookie clicca qui. Scorrendo questa pagina o chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Colleghi Asu Web

Lun04232018

Last update11:53:19 AM

Ultima Ora:

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel
Assegno per attività socialmente utili, l'importo per il 2018

Assegno per attività socialmente utili, l'importo per il 2018

Con Circolare n. 19 del 31/01/2018, l'INPS ente er...
Due mensilità in liquidazione per gli Asu

Due mensilità in liquidazione per gli Asu

“Quest’anno, come mai si era verificato prima, i l...
Governo nuovo vergogne vecchie a discapito degli ASU

Governo nuovo vergogne vecchie a discapito degli ASU

“Gli oltre 5000 ASU, dopo la disastrosa gestione C...
Legge Madia in Sicilia, ddl per stabilizzare precari e ASU dei comuni

Legge Madia in Sicilia, ddl per stabilizzare precari e ASU dei comuni

Valorizzare le professionalità del  personale prec...

Notizie Brevi

notizie precariato

Legge Madia in Sicilia, ddl per stabilizzare precari e ASU dei comuni

Legge Madia in Sicilia, ddl per stabilizzare precari e ASU dei comuni
Valorizzare le professionalità del  personale precario e ridurre il ricorso ai contratti a termine. Con il disegno di legge presentato ieri all’Assemblea regionale siciliana, a  firma congiunta di Tommaso Calderone e Giuseppe Milazzo del gruppo  parlamentare di Forza Italia, gli Enti locali della Regione siciliana  sono autorizzati – per il triennio 2018/2020 – ad attivare le  procedure selettive riservate sia ai titolari di rapporto di lavoro  subordinato a tempo determinato (contrattisti), sia...

dal mondo del lavoro

Buoni pasto per LSU / Lpu / ASU

Buoni pasto per LSU / Lpu / ASU
Il Ministero dell'Interno in data 18 aprile 2013 ha formulato un parere in risposta a un quesito di un lavoratore dove indica che non si rinvengono disposizioni che consentano l'estensione del buono pasto ai lavoratori socialmente utili, tenuto anche conto di quanto prescritto dall'art. 5, comma 7, del d.l. n. 95/2012 convertito in legge n. 135/2012 (valore nominale massimo pari ad euro 7,00) che impone il riconoscimento al solo personale contrattualizzato.

L'On. Maggio: “E’ importante che il decreto del governo nazionale comprenda gli LSU e gli Asu"

“Il parlamento regionale ha compreso, e la condivisione e assunzione di responsabilità da parte dell’assessore competente a nome di tutto il Governo fa ben sperare rispetto all’impegno che deve essere messo in campo a tutela dei precari siciliani”. La vice presidente della commissione lavoro all’Ars, Mariella Maggio commenta così il voto favorevole dell’aula alla mozione sui precari di cui era prima firmataria.
“E’ importante che il decreto del governo nazionale comprenda gli LSU e gli Asu, - ha spiegato durante il suo intervento la parlamentare PD – ma certamente bisogna fare chiarezza sul mancato inserimento, nella proposta graduatoria, dalla quale attingere per la stabilizzazione, dei cosiddetti precari contrattualizzati.

Una svista certamente, ma inaccettabile. La proposta della proroga triennale è un punto essenziale per l’avvio di un piano di stabilizzazione – ha continuato - anche perché allo stato attuale la stessa struttura del ‘decreto 101’ non potrebbe consentire alcuna proroga, anche perché almeno l’80 per cento dei Comuni siciliani è ben oltre i limiti imposti dal patto di stabilità. Bisogna chiarire, inoltre, il significato dell’adeguato accesso dall’esterno per le categorie A e B perché lo stesso riferimento normativo che ha consentito il loro ingresso prevedeva dei criteri di selezione ben chiari. La proposta che noi oggi abbiamo ribadito – ha sottolineato Mariella Maggio - è quella di una graduatoria provinciale per la stabilizzazione, ma è importante che da questa si possa attingere per la stabilizzazione anche presso le sedi periferiche delle amministrazioni centrali. Infine per le categorie C e D quello del concorso è un criterio inderogabile da attuare attraverso il ricorso alla selezione unica per tutte le qualifiche interessate. Ora – ha concluso la parlamentare - il Governo regionale deve trasformare l’impegno in azione concreta. Bisogna raggiungere subito l’obiettivo dell’avvio di un piano di stabilizzazione, sulla base di questi criteri, un obiettivo che se non colto adesso potrebbe sfuggirci per sempre”.

fonte: pdars.it

Visite

1514599
TodayToday156
YesterdayYesterday366
This_WeekThis_Week156
This_MonthThis_Month11701
All_DaysAll_Days1514599

I Video

I più letti