Crea sito

Colleghi Asu Web

Ven11212014

Last update08:00:55 PM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

Notizie Brevi

notizie precariato

Precari: la Corte dei Conti da’ ragione all’ex Provincia di Agrigento

Precari: la Corte dei Conti da’ ragione all’ex Provincia di Agrigento
L'ex Provincia Regionale di Agrigento, ora Libero Consorzio Comunale, con la determinazione del Commissario n. 18 del gennaio scorso ha assunto decisioni in merito a due importanti questioni relative al personale precario.
La prima è quella di non avviare alcun percorso di stabilizzazione, per ragioni finanziarie ma, soprattutto, perché la legge vieta alle Province di procedere ad assunzioni a tempo indeterminato.

L'On. Maggio: “E’ importante che il decreto del governo nazionale comprenda gli LSU e gli Asu"

“Il parlamento regionale ha compreso, e la condivisione e assunzione di responsabilità da parte dell’assessore competente a nome di tutto il Governo fa ben sperare rispetto all’impegno che deve essere messo in campo a tutela dei precari siciliani”. La vice presidente della commissione lavoro all’Ars, Mariella Maggio commenta così il voto favorevole dell’aula alla mozione sui precari di cui era prima firmataria.
“E’ importante che il decreto del governo nazionale comprenda gli LSU e gli Asu, - ha spiegato durante il suo intervento la parlamentare PD – ma certamente bisogna fare chiarezza sul mancato inserimento, nella proposta graduatoria, dalla quale attingere per la stabilizzazione, dei cosiddetti precari contrattualizzati.

Una svista certamente, ma inaccettabile. La proposta della proroga triennale è un punto essenziale per l’avvio di un piano di stabilizzazione – ha continuato - anche perché allo stato attuale la stessa struttura del ‘decreto 101’ non potrebbe consentire alcuna proroga, anche perché almeno l’80 per cento dei Comuni siciliani è ben oltre i limiti imposti dal patto di stabilità. Bisogna chiarire, inoltre, il significato dell’adeguato accesso dall’esterno per le categorie A e B perché lo stesso riferimento normativo che ha consentito il loro ingresso prevedeva dei criteri di selezione ben chiari. La proposta che noi oggi abbiamo ribadito – ha sottolineato Mariella Maggio - è quella di una graduatoria provinciale per la stabilizzazione, ma è importante che da questa si possa attingere per la stabilizzazione anche presso le sedi periferiche delle amministrazioni centrali. Infine per le categorie C e D quello del concorso è un criterio inderogabile da attuare attraverso il ricorso alla selezione unica per tutte le qualifiche interessate. Ora – ha concluso la parlamentare - il Governo regionale deve trasformare l’impegno in azione concreta. Bisogna raggiungere subito l’obiettivo dell’avvio di un piano di stabilizzazione, sulla base di questi criteri, un obiettivo che se non colto adesso potrebbe sfuggirci per sempre”.

fonte: pdars.it

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Visite

446593
TodayToday64
YesterdayYesterday1603
This_WeekThis_Week5729
This_MonthThis_Month23367
All_DaysAll_Days446593

I Video

I più letti

ultimo commento